UMANITÀ NUOVA

Le origini

“Il Progetto Città è un cammino che, una volta iniziato, finirà solo con il mondo unito”. Con queste parole, Chiara Lubich (1920 – 2008), fondatrice del Movimento dei Focolari, annunciava e definiva il Progetto Città. Al termine dell’evento mondiale del Familyfest1 2005, aveva infatti sottolineato: “Dopo la famiglia, la prossima tappa sarà la città. E dopo la città saranno i popoli, e dopo i popoli il mondo unito”. Il cammino iniziato da lei e dalle sue prime compagne, a Trento durante la seconda guerra mondiale, fu quello della riscoperta, sotto le bombe che facevano crollare case e progetti di vita, che esiste un ideale che non muore, che non passa: Dio, annunciato dal Vangelo. Da questa riscoperta l’opzione per i più poveri, ed erano molti, dai quali cominciare per “contribuire a risolvere il problema sociale di Trento”. Da allora, e fino ad oggi, la “città” è stata ed è realtà significativa della vita di Chiara e del Movimento. Le vacanze trascorse insieme negli anni ’50 nelle Dolomiti presero il nome di “Mariapoli”, città di Maria, luogo di sperimentazione di una convivenza la cui unica legge è l’amore reciproco. Oggi le Mariapoli nel mondo sono ogni anno alcune centinaia. Sono sorte Mariapoli permanenti, le 34 cittadelle del Movimento sparse nel mondo, piccole città aperte a chi vuole incontrarsi con l’esperienza del Vangelo incarnato in una comunità civile e religiosa. A Chiara sono state assegnate 19 cittadinanze onorarie , espressione di una scelta privilegiata da parte del Movimento per il ruolo della città. A seguito di questi riconoscimenti, in alcune di queste città, sono nati veri e propri progetti di cittadinanza orientati alla fraternità universale: “Trento Ardente”, “Roma Amor”, Praga d’Oro”, “Genova La Lanterna”, “Fontem Regale".

Il nome dato nel ’56 alla rivista del Movimento, Città Nuova - oggi con 37 edizioni in 22 lingue - ed alle 25 case editrici, anticipa, nel campo della informazione e della cultura, il ruolo della città nel costruire un mondo unito.

La riscoperta delle parole del Vangelo, alla luce di una spiritualità collettiva, vissuta e trasmessa dai membri del Movimento, ha dato l’avvio ad un percorso di vita individuale e comunitario che apre a tutti, consacrati e laici, la via per una realizzazione del proprio personale disegno e per la costruzione, insieme, di una “civiltà dell’amore”. In questa visione, nel 2006, Chiara, con lo sguardo già rivolto al Progetto Città disse: “Sarà la santità che penetra nella società” (cfr. Rm, 7)

 

1Manifestazione internazionale, formata da una rete di 193 meeting, in altrettante città e capitali di 78 Paesi dei 5 continenti, dove le famiglie di ogni Paese, cultura, razza e religione sono state  protagoniste, rendendo visibile un tipo di famiglia che crede nel valore della fraternità universale, e si fa portatrice di questo messaggio al mondo.

Presets
Main Style
Patterns
Accent Color
Apply

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.