UMANITÀ NUOVA

Pasquale-Ferrara
In vista delle prossime elezioni europpe pubblichiamo un articolo di Pasquale Ferrara, diplomatico, Segretario Generale dell'Istituto Universitario Europeo.

«Nell’analisi dei fenomeni globali, l’ottica che ancora prevale è di tipo “statuale”, inter-nazionale, mentre le questioni sono sempre più trans-nazionali»- nel testo dedicato al fenomeno delle migrazioni, pubblicato sull'ultimo numero della rivista Nuova Umanità.

«Ciò è vero anche per l’Unione Europea come costruzione “post-nazionale”, che ridiventa però “sovranista” dinanzi alle sfide più complesse, come quella delle migrazioni. Al riguardo, si può dire che quella dell’Europa è una nonpolitica, anzi una “anti-politica” delle migrazioni. Un’esigenza fondamentale, per elaborare opzioni politiche articolate e non improvvisate, è quella di collocare le migrazioni in una prospettiva di medio-lungo periodo. È bene indignarsi per le tragedie che avvengono in questi anni; dovremmo però considerare le migrazioni non come una questione emergenziale da contenere, ma come un fenomeno strutturale di mobilità umana, destinato a ridefinire l’intero assetto dei nostri sistemi politici, il modello sociale, la dimensione culturale e identitaria; come una speranza di futuro e non come un problema da risolvere».

Per leggere l'articolo completo clicca qui.

©Photo Copyright European University Institute, Creative Commons License

 

 

Presets
Main Style
Patterns
Accent Color
Apply

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.