UMANITÀ NUOVA

Economia e lavoro

poverta2015

Lunedì 19 Gennaio, presso l’Istituto Sturzo a Roma, si terrà  un forum di approfondimento su: "Lotta alla povertà in Italia: gli ostacoli da rimuovere”.

Promosso da Città Nuova e Istituto Luigi Sturzo, il forum vuole offrire uno spazio di libero e fecondo dialogo tra soggetti impegnati nella lotta alla povertà.

Giorgio La Pira l’aveva compreso già negli anni ’50: «Il fatto resta: “ho avuto fame e non mi hai dato da mangiare"».

Partendo da questo moto della coscienza, Giorgio La Pira proponeva, nel 1950, ne “L’attesa della povera gente” un vero programma di intervento di tipo keynesiano fondandolo su approfondimenti e studi scientifici. Altri, come ampiamente documentato, pur mossi dallo stesso orizzonte ideale, ad esempio Luigi Sturzo, sostenevano soluzioni diverse.

A fine 2014, la crisi sistemica, esplosa nel 2007, ha finora provocato in Italia, in pochi anni, il raddoppio del numero delle persone in condizioni di povertà assoluta (sei milioni, il 10 per cento dell’intera popolazione) in un contesto generale di carattere recessivo dagli esiti incerti e preoccupanti.

È messa in pericolo la stessa tenuta del legame sociale, ma, diversamente dagli anni del secondo dopoguerra, sembra che sia quasi del tutto affievolita la spinta verso l’uguaglianza sostanziale assieme ad un’accettazione remissiva e trasversale delle cosiddette inamovibili leggi dei mercati internazionali.

Durante il forum, costituirà traccia di discussione e di verifica, il documento elaborato dall’Alleanza contro la povertà sulla proposta di reddito di inserimento sociale (reis) come misura di contrasto alla povertà assoluta.

Tra gli interventi sono previsti anche quelli di Elisa Golin e di Gennaro Iorio, entrambi del Movimento Umanità Nuova.

Scarica l'invito:

pdf La povertà in Italia: gli ostacoli da rimuovere

 

 ©Photo Coyright Franco Folini, Creative Commons License

 

 

Presets
Main Style
Patterns
Accent Color
Apply

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.